Sulla tradizione tosco-fiorentina della Commedia di Dante