Lo schermo che pietrifica. La visione del terribile tra "Ring" e la gorgone