Sull’Angelicano ovvero sull’impossibilità 
di classificare la tradizione della «Commedia». In margine alle proposte per un testo-base della «Divina Commedia» di Petrocchi