I nomi a dominio: un nuovo segno distintivo?