Sullo “stato di salute” delle varietà romene all’alba del nuovo millennio