Sul difetto di rappresentanza processuale, tra poteri del giudice e giusto processo