John Ford e Luchino Visconti. Appunti per una (ri)lettura novecentesca