Il libro presenta un’analisi in chiave decostruzionista di cinque categorie fondamentali per l’estetica: autore, lettore, opera, riferimento, autonomia. Partendo dalla riflessione di Derrida, ma confrontandosi anche con autori come Eco, Barthes, Foucault, Marin, Martino Feyles si interroga sui rapporti tra estetica, grammatologia e semiotica. Lavorando in questa zona di intersezione, l’autore segue i movimenti di un’estetica che oltrepassa i confini che la modernità le ha assegnato, un’estetica che “deborda” – se così si può dire – al di là dei suoi margini storici e disciplinari. Il complesso rapporto tra “dentro” e “fuori” costituisce il filo conduttore che lega i cinque capitoli del libro. La scrittura, in quanto esteriorizzazione, istituisce sempre un paradossale movimento di esclusione e nello stesso tempo di inclusione. L’autore, il lettore, il mondo, la realtà, sono per principio esclusi dal testo e dall’opera, devono restare “fuori”, al di là dei margini. Ma questa esclusione non può mai essere completa. Il testo rinvia sempre al di là dei suoi margini e l’opera d’arte non cessa di oltrepassare i limiti della sua cornice

Margini dell'estetica

FEYLES, MARTINO MARIA
2016-01-01

Abstract

Il libro presenta un’analisi in chiave decostruzionista di cinque categorie fondamentali per l’estetica: autore, lettore, opera, riferimento, autonomia. Partendo dalla riflessione di Derrida, ma confrontandosi anche con autori come Eco, Barthes, Foucault, Marin, Martino Feyles si interroga sui rapporti tra estetica, grammatologia e semiotica. Lavorando in questa zona di intersezione, l’autore segue i movimenti di un’estetica che oltrepassa i confini che la modernità le ha assegnato, un’estetica che “deborda” – se così si può dire – al di là dei suoi margini storici e disciplinari. Il complesso rapporto tra “dentro” e “fuori” costituisce il filo conduttore che lega i cinque capitoli del libro. La scrittura, in quanto esteriorizzazione, istituisce sempre un paradossale movimento di esclusione e nello stesso tempo di inclusione. L’autore, il lettore, il mondo, la realtà, sono per principio esclusi dal testo e dall’opera, devono restare “fuori”, al di là dei margini. Ma questa esclusione non può mai essere completa. Il testo rinvia sempre al di là dei suoi margini e l’opera d’arte non cessa di oltrepassare i limiti della sua cornice
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11389/29747
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact