Per la biblioteca di Franchino Gaffurio: i manoscritti milanesi