Il divieto di "contestazione a catena" tra Sezioni Unite e Corte costituzionale