Le "partiture visive" degli anni Sessanta tra utopia e pluralità