Il genere come moderatore nella relazione tra strategie di coping e qualità della vita