Fantasmi e mostri sulla (im)possibilità di raccontare la storia della teoria narrativa