Il saggio verte sulla riflessione teorica di Mario Ballocco attorno alla pittura nei suoi aspetti applicativi e al suo ruolo nella società e nella comunicazione visiva: posizioni maturate progressivamente, nell'artista, a partire dall'inizio degli anni Cinquanta, e sviluppate via via fino agli anni Ottanta, anche attraverso il lavoro sul tema della "cromatologia" e della percezione visiva. Il saggio esamina tali assunti, ne rintraccia le origini e ne analizza le caratteristiche, e ripercorre l'evoluzione della teoria artistica di Ballocco nell'arco cronologico suddetto.

La pittura come scienza a sfondo sociale: la logica visiva di Mario Ballocco

BOLPAGNI, PAOLO
2008

Abstract

Il saggio verte sulla riflessione teorica di Mario Ballocco attorno alla pittura nei suoi aspetti applicativi e al suo ruolo nella società e nella comunicazione visiva: posizioni maturate progressivamente, nell'artista, a partire dall'inizio degli anni Cinquanta, e sviluppate via via fino agli anni Ottanta, anche attraverso il lavoro sul tema della "cromatologia" e della percezione visiva. Il saggio esamina tali assunti, ne rintraccia le origini e ne analizza le caratteristiche, e ripercorre l'evoluzione della teoria artistica di Ballocco nell'arco cronologico suddetto.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11389/10230
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact