Il saggio, incluso nel catalogo della mostra "Fortuny e Wagner. Il wagnerismo nelle arti visive in Italia" (Venezia, Palazzo Fortuny, 8 dicembre 2012 - 8 aprile 2013), curato dallo stesso Paolo Bolpagni, prende in esame la fortuna di Wagner e del wagnerismo nell'immaginario visivo italiano tra la fine dell'Ottocento e il primo scorcio del XX secolo attraverso la cartina di tornasole offerta dalle illustrazioni, dalle cartoline, dalle caricature, dalle figurine e dai manifesti legati alla figura del compositore e alle sue opere: è una sorta di corrente carsica, di fil rouge del gusto e della sensibilità tipici della belle époque. Nello studio del fenomeno complesso del wagnerismo, la volontà, dal punto di vista metodologico, è stata proprio di evitare discriminazioni gerarchiche nei confronti delle forme ritenute a torto meno "nobili" della comunicazione e dell'immaginario visivi. La grafica effimera infatti rappresenta uno strumento efficacissimo per misurare il successo dell'iconografia wagneriana anche a livello popolare.

Wagner nell'illustrazione e nella grafica effimera in Italia. Dal manifesto alla cartolina, dalla caricature alla figurina Liebig

BOLPAGNI, PAOLO
2012

Abstract

Il saggio, incluso nel catalogo della mostra "Fortuny e Wagner. Il wagnerismo nelle arti visive in Italia" (Venezia, Palazzo Fortuny, 8 dicembre 2012 - 8 aprile 2013), curato dallo stesso Paolo Bolpagni, prende in esame la fortuna di Wagner e del wagnerismo nell'immaginario visivo italiano tra la fine dell'Ottocento e il primo scorcio del XX secolo attraverso la cartina di tornasole offerta dalle illustrazioni, dalle cartoline, dalle caricature, dalle figurine e dai manifesti legati alla figura del compositore e alle sue opere: è una sorta di corrente carsica, di fil rouge del gusto e della sensibilità tipici della belle époque. Nello studio del fenomeno complesso del wagnerismo, la volontà, dal punto di vista metodologico, è stata proprio di evitare discriminazioni gerarchiche nei confronti delle forme ritenute a torto meno "nobili" della comunicazione e dell'immaginario visivi. La grafica effimera infatti rappresenta uno strumento efficacissimo per misurare il successo dell'iconografia wagneriana anche a livello popolare.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11389/10352
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact