Sulla precedenza della redazione volgare del De pictura di Leon Battista Alberti