Dialogo di un filologo e di un linguista (su un’apparente infrazione metrica nella sestina di Arnaut Daniel)