Semiotica e medicina narrativa: alcuni spunti per un confronto