“Sono forse io, maestro?” La prospettiva nei cenacoli fiorentini di San Marco e Fuligno