L’interpretazione come ponte tra voluto e applicato