Per una grammatica della visione: la pittura di Mario Ballocco fra teoria, prassi e ricadute applicative