La memoria: un testimone non attendibile?