Su di un caso di inesistenza giuridica: la procura apocrifa