Il saggio analizza l’art. 6, § 1, della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali che, come è noto, rappresenta un tassello basilare del mosaico che disegna l’effettività della tutela giurisdizionale. Vengono perciò vagliati i principî basilari cui è improntato il processo civile italiano nella loro tensione verso un modello comunitariamente orientato, ossia verso una rimodulazione delle regole di rito, atta ad assicurare un equo bilanciamento degli interessi delle parti con quell’interesse pubblico, che comunque è destinato a rimanere sullo sfondo, seppure alla stregua di un convitato di pietra.

L'equo processo civile

Simona Caporusso
2015

Abstract

Il saggio analizza l’art. 6, § 1, della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali che, come è noto, rappresenta un tassello basilare del mosaico che disegna l’effettività della tutela giurisdizionale. Vengono perciò vagliati i principî basilari cui è improntato il processo civile italiano nella loro tensione verso un modello comunitariamente orientato, ossia verso una rimodulazione delle regole di rito, atta ad assicurare un equo bilanciamento degli interessi delle parti con quell’interesse pubblico, che comunque è destinato a rimanere sullo sfondo, seppure alla stregua di un convitato di pietra.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11389/32659
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact