La ricerca propone una lettura critica del rilievo informatizzato della Loggia dei Priori che mostra, attraverso l’analisi metrologica, le operazioni ideative compiute dal caput magister operis per l’elaborazione del disegnodell'edifico. L'ipotesi dell'esistenza di schemi di pianta (icnographia) e d’alzato (orthographia) che furono ottenuti attraverso una serie di ragionamenti aritmetico-geometrici composti, secondo Vitruvio, con Inventio e che permisero, alle differenti scale, di comunicare forma e quantità metriche attraverso i disegni.

La Loggia della Signoria a Firenze

MELE, GIAMPIERO
2003

Abstract

La ricerca propone una lettura critica del rilievo informatizzato della Loggia dei Priori che mostra, attraverso l’analisi metrologica, le operazioni ideative compiute dal caput magister operis per l’elaborazione del disegnodell'edifico. L'ipotesi dell'esistenza di schemi di pianta (icnographia) e d’alzato (orthographia) che furono ottenuti attraverso una serie di ragionamenti aritmetico-geometrici composti, secondo Vitruvio, con Inventio e che permisero, alle differenti scale, di comunicare forma e quantità metriche attraverso i disegni.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11389/924
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact